Palazzo Nuovo

Published by admin on

Per sentire l’audioguida clicca qui

Palazzo Campana, 1968, il Movimento Studentesco occupa il palazzo universitario dando inizio ad anni di lotte contro il potere accademico, unite agli scioperi operai. Un periodo complesso e convulso in cui l’aria di rivolta si respirava in ogni angolo della città; ovunque spiccavano simboli della contestazione con bandiere Viet Cong, simboli del “Che” Guevara e cartelloni con scritte di protesta. Università e Licei venivano occupati e sgomberati mentre nelle strade si riversavano cortei di giovani che si opponevano ai privilegi dei “baroni”.

Uno dei luoghi centrali di questo complesso periodo di contestazione è certamente l’attuale sede delle facolta umanistiche, Palazzo Nuovo. L’edificio fu costruito a inizio anni sessanta e venne da subito adibito come palazzo dell’Università di Torino.

Un esempio calzante della gigantesca mobilitazione che interesso questo posto è il 24 Aprile 1968, quando il Movimento Studentesco scese in piazza per la liberazione di Guido Viale, un leader della rivolta detenuto alle Carceri Nuove. Tremila giovani partendo dal Politecnico arrivarono fino a Palazzo Nuovo e occupato l’edificio esposero uno striscione con scritto “L’Università è Nostra!”.

Il 24 Novembre poi la lotta studentesca si fece ancora più accessa: diecimila studenti sfilarono in un corteo per la città e chiesero a gran voce maggiore libertà d’opinione, diritto di riunirsi in assemblea e scarcerazione di due esponenti della Contestazione, a sintetizzare l’indignazione e i desideri del movimento un cartello fra la folla che recitava: “Né Robot né Schiavi!”.

This content is also available in: English (Inglese)

Categories: Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.