BIANCHI CUMULI DI SALE

Published by admin on

Dita protese al cielo ,…..nel palmo custoditi segreti ,… nostalgie di un tempo passato.

Salta in mente questo, quando lasciando Cervia, destinazione Forlì, accarezzando con lo sguardo i bianchi profili  degli alti cumuli di sale raccolto, riflessi sulle acque placide delle saline. Ad un tratto lo sguardo cade inevitabilmente  su quest’insolita parata di pilastri, che sembrano trattenere a fatica tante storie, nell’aria aspra e salmastra che li circonda; e ci domandiamo quale utilità avessero o piuttosto abbiano tuttora..

In realtà, questi pilastri sono quel che resta di un area  perimetrata  all’interno del parco delle saline, destinata ai bagni salutari di fango proveniente dalle acquitrinose saline, molto in voga negli anni ’50.

Già in passato, i salinari avevano sperimentato direttamente le proprietà terapeutiche dei fanghi cosiddetti “Liman”, salsobromoiodici, cospargendosi il corpo nudo, per poi rimanere, in apposite buche, sotto il sole implacabile, meditando e attendendo miracolosi benefici, forse in parte avveratisi.

Oggi, questo genere di attività è relegata all’interno del complesso Termale di Cervia, mitigando notevolmente gli effetti dell’esposizione al sole cocente e dai capricci del tempo;   coadiuvati dal benefico influsso dell’”Acqua Madre” proveniente dalle saline.


Il Fango Liman della Salina di Cervia è un raro caso di fango termale formato dalla sedimentazione dei sali minerali e delle sostanze organiche dell’Acqua Madre nel fondo dei bacini di raccolta del sale. Applicato alla temperatura di circa 40° oppure a temperatura ambiente, ha la proprietà di ridurre i sintomi nelle fasi acute di alcune patologie croniche della pelle, in supporto alle terapie classiche, particolarmente indicato anche per il recupero nelle patologie vascolari ed ortopediche.

https://www.tellingstones.org/BACK TO THE TELLINGSTONES

Categories: Cervia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.